Get back
Ritorna 
The Beatles

Cosa significa questa canzone? Leggi i commenti degli utenti!

Hai un nuovo significato per Get back di The Beatles? Inviacelo!

Get back si trova in 603ª posizione!

Falla salire di classifica lasciando un commento o cliccando su Mi piace e su +1 qui sotto!

52ª
31ª
46ª
60ª
39ª
82ª
78ª
54ª
28ª
14ª

Inserisci il tuo commento

 

 

Ti piace tradurre? Aiutaci!
1
Aieie commento inviato 6 anni fa curiosa bella mi piace Rispondi
0
Alessandro67 commento inviato 6 anni fa Vero il testo non è semplice da capire Paul partì dall'idea che delle persone dovessero tornare alle loro origini, radici " get back to where you once belonged" ma il resto del testo fu spesso cambiato in una prima versione uno diceva che gli immigrati in Inghilterra del Commonwealth dovevano tornare nei loro pesi di origine (India Pakistan etc) nella seconda strofa della versione definitiva "Sweet Loretta Martin thought she was a woman but she was another man" (La dolce Loretta credeva di essere una donna ma era un altro uomo)... insomma c'è molta ambiguità in tutta la canzone Rispondi
0
Alessandro67 commento inviato 6 anni fa il testo era abbastanza ermetico quindi non facile da tradurre Rispondi
0
Eva commento inviato 8 anni fa bela bela molto bela Rispondi
-8
Vito commento inviato 5 anni fa La versione pubblicata della canzone è composta da due strofe, con un'introduzione musicale, e parecchi ritornelli. Il primo verso racconta la storia di un uomo chiamato Jojo, che lasciò la sua casa in Tucson, Arizona, per un po' di "erba" Californiana (la futura sposa di Paul, Linda, aveva frequentato la University of Arizona di Tucson.), la seconda strofa parla di un personaggio dalla sessualità ambigua, "Loretta Martin" che «thought she was a woman, but she was another man» ("pensava di essere una donna, ma era un altro uomo"). La versione su singolo include il finale dove a Loretta viene consigliato di "tornarsene da dove è venuta". (Get back, where you once belonged)
I Beatles scherzarono spesso con il testo della canzone durante le sedute di registrazione, come dimostra l'introduzione di Lennon al brano sull'album Let It Be: «Sweet Loretta Fart, she thought she was a cleaner, but she was a frying pan» ("La dolce Loretta Scorreggia, pensava di essere un aspirapolvere, ma era una padella per friggere"). La versione del brano sull'album termina con la famosa frase di John Lennon: «I'd like to say thank you on behalf of the group and ourselves, and I hope we passed the audition» ("Vorrei ringraziarvi a nome del gruppo e di noi stessi, e spero che abbiamo passato l'audizione").
Mentre stava lavorando al testo di Get Back, McCartney si divertì a fare una parodia di un celebre discorso razzista dell'ex ministro inglese Enoch Powell in una breve jam che presto divenne famosa come "la canzone del Commonwealth". Le parole includevano la strofa: «You'd better get back to your Commonwealth homes» ("fareste meglio a tornare alle vostre case nel Commonwealth"). La “canzone del Commonwealth” non aveva niente a che fare con Get Back, ma diede lo spunto per la versione di Get Back intitolata No Pakistanis ("Niente pakistani").[3] Sulla melodia della canzone, McCartney improvvisa un testo ironicamente razzista: «(we) don't dig no Pakistanis taking all the people's jobs». ("Non ci piacciono i pakistani che vengono qui a portare via il lavoro alla gente")[4] Sebbene lo sviluppo della versione "razzista" di Get Back proseguì per diversi giorni, alla fine lo stesso McCartney, decise di eliminare le strofe "incriminate" per paura che potessero venire fraintese.
(fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Get_Back_(The_Beatles) Rispondi
-3
Daniele commento inviato 8 anni fa testo e traduzione perfetti;) Rispondi
-1
Fab4 commento inviato 5 anni fa strano che questa canzone, famosa anche per essere stata suonata nell'ultima apparizione dal vivo dei Beatles, non abbia più commenti Rispondi