Tutti i testi di The Who con traduzione

The Who restano probabilmente il più grande gruppo dal vivo di sempre.Eddie Vedder su Rolling Stone

The Who sono uno storico gruppo musicale rock inglese originario di Londra, considerato tra le maggiori band Rock 'n Roll di tutti i tempi, con oltre 100 milioni di dischi venduti. Le prime apparizioni dal vivo degli Who risalgono al 1964, con quella che è considerata la storica line up del gruppo: Pete Townshend (chitarrista e autore della maggior parte delle canzoni), Roger Daltrey (voce), John Entwistle (basso elettrico) e Keith Moon (batteria). Dopo un breve periodo da portabandiera del movimento Mod inglese, gli Who raggiungono il successo nel 1965, con l'uscita dell'album My Generation, il cui omonimo brano si dimostra essere il primo inno generazionale, nonché uno dei pezzi ancor oggi più conosciuti e rappresentativi della band, oltre ad essere inserito nel 2004 dalla rivista Rolling Stone all' undicesimo posto nella classifica delle 500 più importanti canzoni di tutti i tempi. In A Quick One, pubblicato nel 1966, è possibile notare il progredire della ricerca musicale di Townshend verso la realizzazione di un' opera rock a carattere teatrale, che si concretizzerà poi in Tommy (1969) e nella più matura Quadrophenia (1973), nel cui film associato si fece notare un giovanissimo Sting. Del 1979 è anche un documentario sulla storia del gruppo dal titolo The Kids Are Alright (in Italia Uragano Who). Tra i principali protagonisti della Swinging London, l'influenza della loro musica si può notare nei contemporanei Beatles e Rolling Stones, un'onda lunga che va dai Led Zeppelin ai Sex Pistols, dagli U2 agli Oasis passando per i Pearl Jam. È particolarmente discusso l'inserimento degli Who all'interno del genere proto-punk, ovvero a quella derivazione del garage rock che a metà anni settanta porterà Ramones, Sex Pistols, The Clash ed altre band a creare il punk rock ed in particolare il punk rock delle origini. La distanza stilistica degli Who con altre band appartenenti al proto punk è evidente, tuttavia le innovazioni stilistiche apportate dagli Who al rock, soprattutto nell'uso della batteria fanno propendere alcune fonti a ritenere che la band appartenga al genere suddetto. Dopo la scomparsa di Keith Moon, morto nel 1978, e di John Entwistle, nel 2002, Townshend e Daltrey continuano a proporre dal vivo i loro brani più classici, accompagnati da Pino Palladino al basso e Zak Starkey (figlio di Richard, meglio conosciuto come Ringo Starr) alla batteria. Nel 2006, gli Who hanno pubblicato il loro primo disco registrato in studio da It's Hard del 1982, intitolato Endless Wire.

Descrizione di Wikipedia (articolo originale)

Inserisci il tuo commento

 

 

Ti piace tradurre? Aiutaci!
0
Alessandro67 commento inviato 6 anni fa @Lorenzo non conosco molto gli Who, conosco le loro canzoni più famose, @snake Luca ne sa più di me. Sui Doors hoi scritto qualche cosa una cosa è certa il fontman era i "bello e dannato" Jim Morrison che piaceva tanto alle donne, ma musicalmente quello che portava avantii gruppo era Manzanek ciao Rispondi
0
Lorenzo S commento inviato 6 anni fa Ciao!
Dato che li conosci, se hai qualcosa da dire, sugli uni e gli altri, dilla.
Le recensioni che ci sono qui, soprattutto sugli Who, sono miserevoli: mancano i pezzi migliori.
Coi Doors andiamo un po' meglio, ma non molto.
Jim Morrison e Ray Manzanek (bravissimo) erano le colonne dei Doors.
Gli Who erano quelli che distruggevano una chitarra ad ogni concerto.
Io in UK, dopo Beatles e Rolling Stones, vedo loro (al massimo potevano competere con loro gli Animals, ma questi ultimi si sciolsero ben presto).
il cantante degli Who era un ottimo chitarrista, ma un uomo di m.... Rispondi
0
Alef commento inviato 6 anni fa Se in casa mia durante la mia infanzia fossero risuonate " Come on baby light my dire. Try to set the nigh on fire" ....." There is a house in New Orleans they call the rising sun " invece di "Son tutte belle le mamme del mondo mentre un bambino si stringono al cuor..." o " Tu sei per me la più bella del mondo e un amore profondo mi lega e teee " oppure ballare tipo " Here's to you Nicola and Bart rest forever here in my heart" o " Power to the people power to the people power to the people right on " al posto di "Che felice manina se la lasci riscaldar " o "Ritorna vincitooor !!!...e del mio labbro uscì l'empia parola!" (anche se ora mi piace molto la lirica)...a questo punto avrei qualcosa da dire su gli Who. Ma essendo stato il primo mio 45 giri una cover di "Black is black" dei Los lobos in una versione disco delle "Belle epoque" nel 1977 si può ben comprendere che il genere della band (gli Who) di uno stile rock per me troppo hard non mi ha interessata approfondirne l'argomento. Rispondi
0
Lorenzo commento inviato 6 anni fa Ciao, ben ritrovata, Alessandra!
Black is Black e' dei Los Bravos.
Los Lobos hanno cantato La bamba.
I'm a Boy degli Who potrebbe essere il primo disco che ho comprato.
So che gli Who e i Doors non sono il tuo campo, ma ti ringrazio perché sei stata molto gentile a rispondermi.
Spero di essere più fortunato con Alessandro, perché sono due gruppi maestosi (gli Who hanno venduto oltre 100.000.000 di dischi).
Alessandro, confido in te.....!
Grazie Alef, avrai letto che sono inguaiato.
Domani decideranno la data dell'intervento, alla quale seguirà un mese di stop.
Ciao! Rispondi
0
Alef commento inviato 6 anni fa Cari mariti...portate pazienza. Che quando s'infortuna o s'inferma una moglie sia pure temporaneamente ...casino assicurato ! Rispondi
0
Lorenzo S commento inviato 6 anni fa Sono disperato adesso, figurati come lo sarò dopo l'intervento.
La mano e' la destra e fa la tappezziera, come lavoratrice autonoma.
Siamo messi male...!
Domani all'ospedale decideranno la data dell'intervento.. Rispondi
0
Lorenzo+s commento inviato 6 anni fa Mancano le tre canzoni più importanti:
- I'm a Boy
- Happy Jack
- I can see for miles
Inoltre:
-- In the city
- Pictures of Lilly.
Gli Who sono importantissimi ed hanno venduto oltre 100 milioni di dischi.
In questa pagina ricevono un trattamento non alla loro altezza! Rispondi